Terapia famigliare

La famiglia, intesa come il sistema vivente di riferimento principale nell'esperienza emotiva di una persona, è il primo contesto esperienziale all'interno del quale i sintomi assumono una funzione precisa per il funzionamento relazionale del gruppo di persone che ne fanno parte.

I conflitti che tendono a disgregare il sistema-famiglia creano una tensione emotiva che di solito viene vissuta in termini drammatici dal soggetto portatore del sintomo; egli si fa carico, attraverso la manifestazione dei sintomi, di distogliere i membri della famiglia dall'affrontare in modo manifesto le proprie difficoltà di relazione, accentrando l'attenzione su di sé.

Il sintomo ha quindi una doppia valenza: segnala alla famiglia l'esistenza di un disagio e, nello stesso tempo, rende innocuo il suo potere distruttivo, accentrando su di sé tutte le preoccupazioni degli altri membri.

Altre terapie

Terapia di coppia
Dai conflitti all'interno di una coppia si può arrivare a un chiarimento.

Terapia individuale
Ottenere un cambiamento per raggiungere uno stato di maggiore benessere personale

Supporto alla genitorialita'
La genitorialità attraverso le relazioni, si mescola con le transizioni della famiglia.

Torna all'elenco

Quello in cui crediamo determina quello che siamo!

La terapia famigliare interviene attraverso varie tecniche di lavoro sulle famiglie, operando su 4 livelli principali di osservazione:

  • la storia trigenerazionale della famiglia (nonni - genitori - figli)
  • l'organizzazione relazionale e comunicativa attuale della famiglia
  • a funzione del sintomo del singolo individuo nell'equilibrio della famiglia
  • la fase del ciclo vitale della famiglia in cui si presenta il sintomo del singolo. In particolare, il ciclo vitale rappresenta una tappa delle varie fasi evolutive attraversate da un sistema-famiglia; si parla, ad esempio dell'uscita da casa dei figli a seguito del matrimonio, del decesso di un genitore o della nascita di un figlio, etc.; questi eventi costringono il sistema a riorganizzarsi, e quindi ad evolvere verso nuovi assetti relazionali.